Nel Quotidiano

tutto quanto accade

bagnino

Lite al Bernino, bagnino colpito alla testa con un calcio: ricoverato a Campostaggia

Un richiamo rischia di finire in tragedia. Alla piscina del Bernino un giovane bagnino è stato colpito violentemente alla testa con un calcio

Un richiamo rischia di finire in tragedia. Alla piscina del Bernino un giovane bagnino è stato colpito violentemente alla testa con un calcio da un bagnante che non voleva smettere di giocare a pallone.

Tutto è successo ieri, domenica. Caldo. La piscina di Poggibonsi è piena di gente. molte famiglie con bambini. Tutti cercano sollievo dalla calura che avvampa la città. Qualcuno si tuffa, qualcuno cerca refrigerio all’ombra di una pianta.

Molti giocano, ma c’è chi esagera. Un gruppetto di tipi di età attorno ai 19 – 20 anni che gioca pallone. Lo fa in maniera tale da disturbare gli altri. Uno dei bagnini li richiama. Ma il gruppetto sembra insensibile alle parole del bagnino. E continuano nelle loro sguaiate manifestazioni di divertimento. Sono arroganti. Il bagnino invita loro a smettere ancora una volta. Poi un’altra.

Ad un certo punto uno del gruppo si avvicina al bagnino insistente. Non gradisce essere redarguito. Qualche parola, poi la discussione finisce. Il tizio, un 19enne, improvvisamente sferra un violente calcio al bagnino. Lo colpisce tra il collo e la nuca.

La piscina quasi sembra ammutolirsi di colpo. Il giovane bagnino si accascia. Inizia ad avere delle convulsioni. Chiude gli occhi, non sa stare sveglio.

Qualcuno chiama il 112. Il bagnino sembra in preda ad attacchi di epilessia. Nella piscina cala lo sgomento, una giornata di divertimento si è trasformata in angoscia.
Le famiglie sono sgomente, hanno i figli piccoli che assistono a quella scena, ci sono ragazzi della stessa età del bagnino che osservano sbigottiti quel ragazzo in preda alle convulsioni e non sanno come aiutarlo.

Arriva il 118. arrivano i carabinieri. Il bagnino viene portato al pronto soccorso di Campostaggia. Anche qui continua la difficoltà del ragazzo a stare sveglio I medici lo tengono sotto osservazione per scongiurare il peggio.

Intanto quello che ha sferrato il calcio viene sentito dai carabinieri. C’è da capire il perché di quel gesto tanto violento. C’è da capire se qualcuno sporgerà denuncia.

error: Content is protected !!
%d