Tamponi per chi arriva dalla Cina, controlli negli aeroporti di Firenze e Pisa 

La Regione Toscana si organizza a seguito dell’ordinanza del ministro Schillaci, con i test sarà eseguito anche il sequenziamento
Tamponi per chi arriva dalla Cina, controlli negli aeroporti di Firenze e Pisa 

“La disposizione per l’obbligo dei tamponi nei nostri aeroporti è giusta perché dobbiamo prevenire e non subire. Applicheremo le misure idonee per obbligare al tampone chi viene dalla Cina e disciplinare i casi di positività. Nella giornata di domani sottoscriverò l’ordinanza sui controlli negli scali di Firenze e Pisa”.

Così il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, anticipa che da domani, venerdì 30 dicembre, anche in Toscana si effettueranno i test Covid per chi arriva dalla Cina. Dopo l’ordinanza di ieri del ministro della Salute, Orazio Schillaci, che impone l’obbligo di tamponi per i viaggiatori in arrivo dal Paese asiatico e l’applicazione della misura in tutti gli scali italiani, su indicazione del presidente Giani, l’assessorato alla Sanità e al Diritto alla salute della Regione Toscana, Toscana Aeroporti (che gestisce gli scali di Firenze e Pisa), Enac, Usmaf e i dipartimenti prevenzione delle Asl si sono messi al lavoro per organizzarsi.

Nella giornata di domani, 30 dicembre, nello scalo pisano e nell’aeroporto di Peretola a Firenze, con il supporto della Protezione civile, saranno allestiti e resi operativi i punti tamponi per monitorare chi rientra dalla Cina: oltre all’eventuale identificazione del virus i test permetteranno il sequenziamento, per il quale saranno operativi i laboratori dell’azienda ospedaliera universitaria, in modo da intercettare le varianti. Chi risulterà positivo dovrà sottoporsi ad isolamento fiduciario. Le disposizioni sono state anticipate da un’apposita circolare alla quale seguirà nelle prossime ore un’ordinanza del presidente Giani.

Aeroporti sotto controllo

Nelle due città saranno attivi due alberghi sanitari che accoglieranno eventuali positivi che non possono isolarsi nel proprio domicilio. I passeggeri saranno sottoposti in prima battuta a test antigenici rapidi: in caso di positività è previsto immediatamente un ulteriore test molecolare.
I controlli saranno obbligatori anche per i passeggeri provenienti in Italia dalla Cina dopo uno scalo. Sono esentati i bambini fino a sei anni, i funzionari e agenti dell’Unione europea e di organizzazioni internazionali, gli agenti diplomatici, il personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, i funzionari e gli impiegati consolari, il personale militare (compreso quello in rientro dalle missioni internazionali) e delle Forze di polizia, il personale del sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e i vigili del fuoco nell’esercizio delle loro funzioni.

I medici di famiglia e i pediatri riceveranno opportune indicazioni da parte della Regione Toscana.

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: