blues

Sulle linee senesi i primi treni Blues

In arrivo in Toscana 44 treni Blues. I primi circoleranno sulle linee del Mugello e nel Senese. Il nuovo convoglio della flotta regionale è

In arrivo in Toscana 44 treni Blues. I primi circoleranno sulle linee del Mugello e nel Senese. Il nuovo convoglio della flotta regionale è a tripla alimentazione: elettrica, diesel e batteria. I treni sono stati presentato stamani alla stazione di Firenze SMN da Luigi Corradi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia. Presenti Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana e Dario Nardella, Sindaco di Firenze.

blues

Il Blues, primo treno ibrido di Trenitalia (Gruppo FS Italiane) a tripla alimentazione, elettrica, diesel e batteria arriva sui binari della Toscana. Continua la rivoluzione del Regionale di Trenitalia, società Capofila del Polo Passeggeri del Gruppo FS. Previsto entro i prossimi quattro anni il rinnovo della flotta nazionale.

«Trenitalia ha un piano di investimenti nazionale da 1,5 miliardi all’anno. Con una visione decennale che mira a rendere la mobilità collettiva sempre più integrata e sostenibile. L’arrivo del Blues in Toscana dà un’ulteriore accelerazione al nostro percorso di rinnovamento della flotta dei treni regionali. E contribuisce a rispondere meglio alle esigenze del territorio. Rendendo l’esperienza di viaggio ancora più sostenibile», ha dichiarato Luigi Corradi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia.

Presenti Sabrina De Filippis, Direttore Business Regionale Trenitalia, Valeria Giovanna Venuto, Responsabile Affari Istituzionali Polo Passeggeri. Oltre a Marco Trotta, Direttore Direzione Regionale Toscana Trenitalia, Stefano Baccelli, Assessore Infrastrutture e Mobilità Regione Toscana.

I Blues sulle tratte della provincia di Siena. In arrivo anche i Pop e i Rock

Il primo convoglio, nelle prossime settimane, circolerà tra Firenze e Borgo San Lorenzo e nel bacino senese. Sono 44 i nuovi treni ibridi previsti dal contratto per la Toscana a cui si aggiungeranno 29 Rock e 19 Pop.

Il Blues, in Toscana, può viaggiare su linee non elettrificate grazie al  motore diesel che può essere sostituito dalle batterie per entrare nei centri abitati. E e su linee elettrificate usando il pantografo. Una tecnologia ibrida di nuova generazione che si traduce in migliori prestazioni, riduzione del consumo di carburante e forte riduzione in termini di emissioni di CO2 rispetto agli attuali convogli diesel.

Il primo treno ibrido di Trenitalia è stato progettato e costruito attorno alle esigenze dei passeggeri. Con un’impronta sostenibile che si evince dalle molteplici caratteristiche del convoglio: dalla scelta dei materiali a elevato livello di riciclabilità (95%) alle ampie superfici vetrate con finestrini di lunghezza maggiorata, fino alla disponibilità di un massimo di otto postazioni bici. A disposizione dei viaggiatori 300 posti a sedere. Il treno è, inoltre, dotato di un sistema di climatizzazione, con ottimizzazione dei consumi in base all’effettivo numero di passeggeri trasportati. E di uno spazio per i più piccoli.

Continua così il rinnovo e l’ammodernamento della flotta regionale nella regione, come previsto dal Contratto di Servizio. Una vera e propria rivoluzione nell’esperienza di viaggio in termini di versatilità per un innovativo supporto al sistema turistico toscano e un aumento dei servizi per chi ogni giorno sceglie il treno per motivi di studio o lavoro.

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: