Ottobre da caldo record, ma in settimana arriva l’autunno con piogge intense e calo termico

L'esperto: "Ci lasciamo alle spalle l’ottobre più caldo che sia mai stato registrato in Italia. Con un’anomalia di +2.2°C il mese"
meteo sole pioggia

Il mese di ottobre 2022 è stato segnato da temperature eccezionalmente elevate. Lo confermano i dati elaborati dal meteorologo di Meteo Expert Simone Abelli. “Ci lasciamo alle spalle l’ottobre più caldo che sia mai stato registrato in Italia. Con un’anomalia di +2.2°C il mese ha superato il record precedente, registrato nel 2001 con +2°C sopra la media” dichiara l’esperto che aggiunge: “È mancato all’appello il 64 per cento delle precipitazioni tipiche del mese, e l’ottobre 2022 si classifica al quinto posto tra i più siccitosi dall’inizio delle registrazioni”.

 Caldo e siccità hanno finora dominato tutto il 2022 e questo mese di ottobre. “Per ora- spiega Simone Abelli- stiamo vivendo l’anno più caldo e siccitoso che sia mai stato registrato in Italia, con un’anomalia termica di +1.4°C e un deficit idrico del 32%. All’appello mancano circa 52 miliardi di metri cubi d’acqua rispetto a quella che in media raggiunge il Paese tra gennaio e ottobre”: per farsi un’idea della gravità della situazione basti pensare che si tratta di quantità d’acqua che supera il volume dell’intero Lago di Garda (di circa 50 km3), il lago più grande d’Italia.

PIOGGE PIÙ INTENSE E DECISO CALO TERMICO

L’alta pressione inizia a indebolirsi sotto la spinta delle correnti atlantiche, che convoglieranno gradualmente aria più fresca e umida e qualche impulso perturbato. Martedì una prima debole perturbazione porterà qualche pioggia sulle regioni settentrionali, ad iniziare dal Nord-Ovest, e sarà seguita da un contenuto calo delle temperature al Nord e sulle regioni tirreniche. Mercoledì pressione relativamente alta sul Mediterraneo e sull’Italia, ma con una prevalenza di nuvole al Centro-Nord associata tuttavia a poche e isolate pioviggini su regioni settentrionali e Toscana; per lo più soleggiato e caldo al Sud e Isole. Gli ultimi aggiornamenti confermano l’arrivo di una perturbazione decisamente più intensa nella seconda parte della settimana: giovedì sera investirà il Nord-Ovest, per poi attraversare gran parte del Paese entro la fine di venerdì. Porterà piogge localmente abbondanti, temporali, vento forte e aria più fresca, determinando di conseguenza un sensibile calo delle temperature.

LE PREVISIONI PER LE PROSSIME ORE

Molto nuvoloso già in mattinata al Nord-Ovest, con piogge sparse su Valle d’Aosta, Piemonte, Ponente ligure e Lombardia nord-occidentale; cielo per lo più sereno o poco nuvoloso nel resto d’Italia ma con nubi in aumento nel Nord-Est e qualche nebbia tra Veneto ed Emilia nord-orientale. Nel pomeriggio nubi al Nord e Toscana centro-settentrionale con piogge sparse, localmente moderate, in Liguria, deboli in Lombardia, Trentino Alto Adige e settori occidentali di Emilia e Veneto; velature sulla Sardegna; cielo sereno o poco nuvoloso sul resto del Centro-Sud e in Sicilia. La sera ancora qualche pioggia possibile sulla Liguria. Temperature in calo al Nord-Ovest, diminuzioni più contenute in Triveneto e Toscana, valori per lo più stazionari altrove; in generale le temperature sono superiori alle medie in tutto il Paese, con le massime comprese tra 17 e 25 gradi. Venti per lo più deboli. Mari: localmente mossi il mar Ligure ed il canale di Sardegna, calmi o poco mossi tutti gli altri bacini.

LE PREVISIONI PER IL 2 NOVEMBRE

Giornata con una prevalenza di nuvole al Nord e sulla Toscana; al mattino qualche debole pioggia isolata possibile su Levante Ligure, Toscana nord-occidentale, Emilia, Lombardia sud-orientale e Veneto occidentale; nel pomeriggio e anche in serata qualche sporadica e debole pioggia sarà più probabile su Liguria di levante, Toscana, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Nuvolosità irregolare con un cielo parzialmente nuvoloso in Umbria, Lazio e Marche; tempo prevalentemente soleggiato nel resto del Centro-Sud e sulle Isole maggiori. Temperature massime stazionarie o al più in lieve calo, sempre miti e superiori alle medie stagionali; massime pomeridiane per lo più tra 16 e punte di 19-20 gradi al Nord, tra 19 e 23 gradi al Centro, tra 22 e punte di 25-26 gradi al Sud, Sicilia e Sardegna. Venti ovunque di debole intensità. Mari calmi o poco mossi.


LE PREVISIONI PER GIOVEDÌ

Tempo per lo più soleggiato con modesti annuvolamenti per buona parte della giornata su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Isole maggiori. Molte nubi nel resto del Paese con qualche debole e isolata pioggia al mattino su alta pianura padano-veneta, Friuli Venezia Giulia, zone prealpine, Liguria centro-orientale, alta Toscana e Lazio. Nel pomeriggio precipitazioni sparse anche nel resto del Nord-Ovest e in Campania. Tra il tardo pomeriggio e la sera deciso peggioramento nelle regioni nord-occidentali con piogge in intensificazione, anche a carattere di rovescio o temporale in Liguria e alta Toscana, e in estensione nella notte anche al resto del Nord, regioni centrali tirreniche e Sardegna; possibili fenomeni di forte intensità in serata con successivo abbassamento della quota neve sulle Alpi occidentali.

Temperature ancora in gran parte sopra la media, ma in lieve diminuzione eccetto in Sardegna; massime pomeridiane per lo più comprese tra 15 e 19 gradi al Nord, tra 19 e 22 gradi al Centro e tra 21 e 25 gradi al Sud e sulle Isole. Venti ovunque deboli con qualche rinforzo da sud sui mari occidentali; a fine giornata decisa intensificazione della ventilazione al Centro-Nord e sui settori occidentali. Mari in prevalenza calmi o poco mossi; a fine giornata aumento del moto ondoso sui mari di ponente.

Fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: