boschi

350mila euro di multe per il taglio dei boschi

È di 350mila euro l'ammontare delle multe per il taglio dei boschi. Nei primi dieci mesi dell’anno 2022 i carabinieri forestali della

È di 350mila euro l’ammontare delle multe per il taglio dei boschi. Nei primi dieci mesi dell’anno 2022 i carabinieri forestali della provincia di Siena hanno svolto oltre 500 controlli. Materia, la conformità degli interventi di taglio boschivo e la tracciabilità del legname nella filiera foresta-legno. Dai controlli sono state elevate 319 sanzioni amministrative a carico di altrettanti soggetti. L’importo notificato è stato di 353.523 euro. Sono state, inoltre, accertati 19 illeciti di rilevanza penale che hanno comportato il deferimento all’autorità giudiziaria di 25 persone.

I controlli, svolti sia d’iniziativa che a seguito di segnalazioni di cittadini ed associazioni ambientaliste, hanno avuto ad oggetto cantieri forestali stabiliti in tutto il territorio provinciale. In particolare sono state interessate le zone a maggior pregio naturalistico. Come le aree protette provinciali, i siti Natura 2000 (SIC/ZPS), i territori sottoposti a vincolo paesaggistico e le aree appartenenti al demanio idrico.

L’attuale situazione socio-economica dovuta alla crisi energetica cagionata dal conflitto Russo-Ucraino ha comportato, nell’ultimo anno, un notevole incremento del prezzo al dettaglio del legname. Ma anche dei suoi derivati da destinare ad uso energetico (legna da ardere, cippato, pellet). Tale congiuntura ha determinato crescenti interessi economici nello sfruttamento delle risorse forestali. Con conseguente emersione di fenomeni più o meno diffusi di illegalità.

Pertanto l’attività di controllo dei carabinieri forestali della provincia di Siena proseguirà anche nei prossimi mesi. In linea con le disposizioni nazionali del Comando Generale dell’Arma, al fine di verificare non solo la corretta esecuzione dei tagli boschivi. E la legalità del legname posto in commercio. Ma anche altri aspetti attinenti al contrasto del lavoro nero e del caporalato ed alla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: