tramvia

A Firenze ci sono le visite guidate in tram per scoprire la città moderna  

Da novembre venti appuntamenti su tre itinerari attraversati dai binari che sfiorano 200 luoghi di interesse

FIRENZE – Scoprire la Firenze moderna grazie al tram, attraverso i percorsi delle linee che collegano il centro alle periferie. Il progetto ‘Tram-e-d’Arte’ va avanti. Dopo il lancio del sito web con 200 luoghi d’interesse incrociati dai binari (collegati a una serie di pannelli con Qr code affissi alle fermate), prendono il via le visite guidate con i primi tre itinerari.

Da novembre, infatti, sarà possibile scoprire questi luoghi grazie a speciali visite (in lingua italiana e inglese) tenute da guide appositamente formate sugli itinerari ‘Tram-e-d’Arte’: dalla Stazione di Santa Maria Novella, considerata un vero e proprio capolavoro del Razionalismo italiano, all’aeroporto intitolato al celebre navigatore fiorentino Amerigo Vespucci, alla scoperta dei tesori preziosi tra passato e presente di Novoli; oppure dal Parco mediceo delle Cascine fino all’Isolotto e al modernissimo Centro Rogers di Scandicci; o ancora dalla Stazione Leopolda al Giardino dell’Orticoltura, dove salire agli Orti del Parnaso.

Per la vicesindaca Bettini questa è “a Firenze un’opportunità per un turismo diverso, più consapevole e lento”

Si tratta di 20 appuntamenti pensati per “scoprire una Firenze insolita attraverso la tramvia, un’infrastruttura fondamentale per la nostra città”, sottolinea Alessia Bettini, vicesindaca e assessora alla Cultura e al Turismo. “Un’opportunità per un turismo diverso, più consapevole, lento, sostenibile, alla scoperta di luoghi bellissimi, come la villa medicea di Castello, o della contemporaneità, come la Manifattura Tabacchi e molti altri ancora”.

Interviene anche l’assessore alla Mobilità, Stefano Giorgetti, che osserva: “La regolarità del servizio tranviario renderà facile fermarsi, visitare e ripartire verso altre destinazioni. E le future linee tranviarie consentiranno di estendere il progetto su tutto il territorio fiorentino”. Con questo progetto “il servizio della tramvia diventa un mezzo per conoscere e valorizzare gli spazi culturali di Firenze. Con le visite guidate, il progetto si arricchisce di una nuova proposta culturale e siamo felici di sostenerlo”, dice Jean-Luc Laugaa, amministratore delegato di Gest, la società che gestisce il servizio della tramvia di Firenze.

Fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: