Featured Video Play Icon

Tecnologia al servizio dei vigili del fuoco

Tecnologia al servizio dei vigili del fuoco. Analisi dei dati satellitari, rapida e precisa individuazione delle aree soggette a

Tecnologia al servizio dei vigili del fuoco. Analisi dei dati satellitari, rapida e precisa individuazione delle aree soggette a eventi catastrofici, come incendi boschivi o allagamenti dovuti ad alluvione. Sono alcuni dei mezzi a disposizione dei vigili del fuoco presenti a Firenze all’Earth Technology Expo

Si è aperta oggi alla Fortezza da Basso di Firenze la seconda edizione di Earth Technology Expo. La fiera è dedicata alla salvaguardia dai disastri naturali, alla gestione delle emergenze, alla prevenzione da pandemie.

Tra i protagonisti e i rappresentanti dei diversi e più avanzati settori della tecnologia sono presenti con un proprio stand anche i Vigili del fuoco. Nello spazio a loro riservato, i mezzi tecnici all’avanguardia che consentono oggi ai vigili del fuoco una più efficiente ricerca delle persone scomparse, anche in acqua. Un altro gioiellino tecnologico in dotazione al Corpo Nazionale è il sistema per una rapida e precisa individuazione delle aree soggette a eventi catastrofici. Attraverso l’analisi dei dati satellitari permette di analizzare aree di incendi boschivi o allagamenti dovuti ad alluvioni. Anche questa tecnologia è in mostra a Firenze.

Tecnologia alleata della protezione civile

Alla giornata inaugurale era presente il Capo Dipartimento, prefetto Laura Lega. Ha partecipato alla tavola rotonda “Mare climaticum nostrum”, dedicata all’evoluzione del clima e al suo impatto sull’ambiente causato dall’azione umana.

Il prefetto Lega ha parlato della recente alluvione che ha funestato il territorio delle Marche. «Occorre gestire il territorio, sia esso rurale che cittadino», ha detto. «E porre attenzione alle sue specificità». Quale esempio di governo del territorio ha portato i dati a chiusura della campagna AIB 2022. Sono stati registrati 5mila interventi in meno rispetto allo scorso anno.

«Il Corpo Nazionale, ad esempio, con l’istituzione dei presidi rurali è riuscito a garantire una più efficiente ed efficace azione di prevenzione sul territorio, unita a una più rapida risposta nell’ambito del soccorso urgente in aree più esposte a rischio incendi boschivi e di prossimità».

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: