furbetti

Beccati 5 furbetti del reddito di cittadinanza

Sono 5 i furbetti del reddito di cittadinanza scoperti dai carabinieri, che intascavano il reddito senza averne diritto e hanno prodotto

Sono 5 i furbetti del reddito di cittadinanza scoperti dai carabinieri, che intascavano il reddito senza averne diritto e hanno prodotto un danno per 53mila euro.

Dichiarazioni false per ottenere il reddito di cittadinanza. Cinque casi tra loro in comune scoperti dai carabinieri di Chiusi. Sono scattate le denunce e il conseguente iter per la revoca del beneficio.

Le 5 persone denunciate abitano a Chiusi (Si). Intascavano il contributo pur non avendo i requisiti necessari. L’attività investigativa è stata condotta tra marzo e settembre dai militari della stazione di Chiusi Scalo, insieme al Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Siena. Al termine della quale hanno denunciato, per truffa ai danni dello Stato 5 cittadini di nazionalità straniera, di cui due con precedenti di polizia. I contributi illecitamente percepiti dal 2019 ad oggi ammontano ad oltre 53mila euro.

I carabinieri hanno vagliato le posizioni di numerosi percettori. Hanno verificato i requisiti richiesti per il reddito di cittadinanza e fatto emergere numerose irregolarità. I controlli sui furbetti sono avvenuti incrociando i dati con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Siena e gli uffici territoriali dell’Inps. Ma anche con gli uffici anagrafe di numerose città italiane. Hanno acquisito copiosa documentazione presso i Centri Assistenza Fiscale dei Comuni di Roma, Siena e Chiusi.

Al momento di compilare la domanda, i cinque soggetti, due uomini e tre donne tutti di origine straniera e di età compresa tra i 33 ed i 70 anni, avrebbero reso false dichiarazioni. Avrebbero cioè omesso volontariamente di comunicare informazioni che avrebbero impedito la concessione del beneficio.

In particolare, dalle risultanze investigative, è emerso che dichiaravano di essere residenti in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due in maniera continuativa. Ma in realtà questo era falso.

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: