analisi

Per oltre trecento prestazioni la Asl ricorderà appuntamenti per visite ed esami con un sms

Il servizio reso possibile grazie ad un software messo a punto dalla Regione
Per oltre trecento prestazioni la Asl ricorderà appuntamenti per visite ed esami con un sms

Un sms come il più classico nodo al fazzoletto, per non dimenticarsi visite mediche specialistiche od esami prenotati magari diversi giorni o settimane prima. Il promemoria elettronico inviato dall’azienda sanitaria, grazie ad un software messo a punto dalla Regione Toscana, arriverà cinque giorni prima dell’appuntamento, sempre che il cittadino abbia naturalmente comunicato all’operatore telefonico del Cup o dello sportello  il numero di cellulare su cui riceverlo – anche farmacie e istituti accreditati lo potranno fare – oppure abbia inserito il numero sul portale on line regionale delle prenotazioni https://prenota.sanita.toscana.it , previo consenso. 

L’obiettivo, oltre che offrire un servizio in più al cittadino, è quello di ridurre  il rischio che appuntamenti vadano deserti semplicemente per dimenticanza oppure, nel caso dell’impossibilità a sottoporvisi, che il cittadino li disdica per tempo in modo da utilizzare quello spazio per visite ed esami di altri pazienti.  

Il servizio “Sms-remind”, già tenuto a battesimo in via sperimentale, dal 9 settembre è stato ampliato ed al momento è previsto per 318 prestazioni: quelle più frequenti e richiesti. Fino ad oggi era stato utilizzato per 131. 

Naturalmente se la prestazione è fissata entro i cinque giorni successivi alla prenotazione, nessun sms sarà inviato.  Dal 9 settembre ad oggi, in meno di cinque giorni, sono già state più di 2500 le prenotazioni, nelle tre Asl toscane, per cui i cittadini hanno inserito il numero di cellulare ed autorizzato il servizio.

E’ un servizio semplice, ricordano il presidente della Regione e l’assessore alla salute, ma a volte sono proprio le idee semplici quelle che possono meglio funzionare: gli appuntamenti che vanno deserti sono uno spreco di tempo e risorse e la Regione Toscana è convinta che il promemoria per sms aiuterà a renderli più rari.

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: