chianti

Chianti devastato dal maltempo di Ferragosto: 240 richieste di soccorso

Poche ore e il Chianti è stato devastato dal maltempo di Ferragosto. È successo stanotte quando la pioggia è venuta giù a catinelle in

Poche ore e il Chianti è stato devastato dal maltempo di Ferragosto. È successo stanotte quando la pioggia è venuta giù a catinelle in molte zone del Chianti, della Valdelsa e dell’Empolese e in buona parte della provincia di Firenze. Particolarmente colpite, Bagno a Ripoli dove si è temuto per la crescita dell’Ema, poi rientrato nei valori di controllo. Al Passo dei Pecorai, nel Comune di Greve in Chianti, in fiume di fango e acqua ha attraversato la provinciale Chiantigiana e ha invaso esercizi commerciali e strutture ricettive. Colpita anche Mercatale, a San Casciano, dove si sono registrati allagamenti e alberi abbattuti caduti anche su auto in sosta.

Secondo una relazione dei vigili del fuoco di Firenze, in riferimento al maltempo che ha colpito la provincia di Firenze nella giornata di ieri si informa che durante l’evento atmosferico, sono giunte alla sala operativa circa 240 richieste di intervento e trattare dal NUE 112.

Il territorio maggiormente colpito è quello di Bagno a Ripoli dove è stato aperto il COC che, già dalla notte, ha seguito l’evoluzione dell’evento e della prevista ondata di piena del fiume Ema, monitorato dal CFR (centro funzionale regionale). Il dispositivo di soccorso attuato dai Vigili del Fuoco ha messo a disposizione squadre ordinarie, sommozzatori, personale specializzato in salvamento acquatico e personale fluviale.

Non ci sono state richieste di soccorso a persona a rischio vita, come neppure in difficoltà.
Il sistema di Protezione Civile con le squadre di volontari ha curato il monitoraggio a vista del livello del fiume Ema.

Le squadre dei vigili del fuoco di FIrenze sono state supportate da squadre dei Comandi di Prato, Arezzo, Siena e Livorno.

Questa mattina la situazione alle 10 è di circa 62 richieste di intervento, per svuotare cantine e altro, danni d’acqua, dissesti statici, alberi e rami pericolanti, tutti di carattere minore e senza rischi per l’incolumità pubblica e privata; di questi,
28 nel comune di Bagno a Ripoli
10 nel comune di Firenze
5 nel comune di Cerreto Guidi
nel comune di Greve in Chianti
nel comune di Impruneta
e altri 5 nel resto della Provincia.

Maltempo, situazione difficile a Bagno a Ripoli e nel Chianti

Rimane attivo il COC (Centro Operativo Comunale) nel Comune di Bagno a Ripoli, territorio più colpito, dove sono presenti tutte le componenti di Protezione Civile per il coordinamento dell’evento emergenziale

In Valdelsa, Alessio Falorni sindaco di Castelfiorentino scriveva ieri sera: «Un fronte di perturbazione impressionante sta attraversando la Toscana da ovest a est. Il maltempo ha già provocato danni sensibili nell’Empolese, e l’epicentro della perturbazione si sta spostando, pur diminuendo di intensità, in Valdelsa. La Sala Protezione Civile dell’Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa sta seguendo lo svolgersi dell’evento, per assicurare aiuti ai cittadini in difficoltà nei punti maggiormente colpiti. Per adesso, su Castelfiorentino non mi sono arrivate segnalazioni di particolari criticità.

I Vigili del fuoco del comando di Firenze, a causa delle avverse condizioni meteorologiche, stanno ricevendo molte richieste di intervento per danni provocati dall’acqua. Diversi i Comuni colpiti. Ci sono strade invase dall’acqua, persone rimaste intrappolate nelle auto.  La situazione è in evoluzione. Stessa situazione per altri comandi della Toscana

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: