2 giugno festa della Repubblica, ma non per tutti

Oggi 2 giugno in Italia è festa della Repubblica. Una festa che ricorda una tappa fondamentale della Storia italiana. Uscita dal ventennio fascista, dall’occupazione nazista, gli italiani (e per la prima volta le donne) andarono al voto per scegliere se continuare a dare fiducia alla monarchia di casa Savoia o se scegliere per la Repubblica.

Il 2 giugno si ricorda questo: la scelta di libertà degli uomini e delle donne italiane contro ogni forma di autorità se non quella del popolo che elegge i propri rappresentanti al Parlamento.

Ma non per tutti il 2 giugno la festa ha il solito valore. Come in via Sardelli a Poggibonsi dove un cantiere attivato con il 110%, è al lavoro. Betoniera accesa che gira, operai che lavorano, gru che opera.

Una festa, dunque, ma non per tutti. Chissà quale sarà il vantaggio di lavorare oggi. L’unico risultato sarà quello di disconoscere la Storia, il sacrificio degli italiani, il voto di uomini e donne che vollero la Repubblica e non la monarchia.