Zanna d’elefante appesa sopra il letto, denunciato

Aveva una vera zanna d’avorio di un elefante appesa sopra il letto. Ed è stato denunciato.

Sono stati i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Agroalimentare del gruppo Carabinieri forestale di Firenze, della Sezione di Polizia dei Carabinieri presso la Procura della Repubblica di Firenze e della Stazione Carabinieri forestale di Empoli, durante una perquisizione domiciliare, a rinvenire esposta in bella mostra in camera da letto, una zanna di elefante non lavorata della lunghezza di 65 centimetri.

Il proprietario riferiva che si trattava di un bene di famiglia, ma non mostrava alcuna documentazione che giustificasse la legale detenzione.

I militari procedevano quindi al sequestro della zanna di elefante e a segnalare il proprietario all’autorità giudiziaria di Massa Carrara (MS) perché deteneva parte di esemplare particolarmente protetto, senza la prescritta documentazione. La pena dell’arresto da 6 mesi a 2 anni e un’ammenda da 15mila a 150mila euro.

Il traffico illegale di avorio costituisce un business rilevante per i trafficanti, che operano in stretta connessione con i bracconieri, i quali senza scrupoli, uccidono ogni anno un numero considerevole di elefanti, specie particolarmente protetta perché a rischio di estinzione. Il prezzo sul mercato nero dell’avorio è di 1.000 euro al chilo.

I Carabinieri forestali sono deputati anche ai controlli sul commercio di specie protette e al contrasto del traffico di specie tutelate sull’intero territorio nazionale.

#zanna #elefante #carabinieri #empoli #toscana