Anche Boccaccio ha un canale Youtube dove racconta le novelle

Giovanni Boccaccio in un dipinto di Andrea del Castagno

CERTALDO – Le letture teatrali “Si racconta le novelle del Boccaccio” conquistano youtube: martedì 21 dicembre, in occasione del 646esimo anniversario della morte di Giovanni Boccaccio, illustre certaldese padre del Decameron, sarà pubblicato l’omonimo canale YouTube dedicato alle videoletture, eseguite e registrate nelle stanze di Casa Boccaccio, nel cuore di Certaldo alto. Il progetto, presentato dall’Associazione Polis in collaborazione con il Comune di Certaldo e l’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio, è stato reso possibile dal contributo della Fondazione CR Firenze (risultando infatti aggiudicatario del “Contributo Ordinario 2021-attività artistiche e culturali” per 5mila euro) e la sua realizzazione è stata frutto della professionalità pluriennale di Oranona Teatro.

In totale sono quindici i video prodotti per la creazione del canale online, iniziativa che di fatto dà una marcia in più a “Si racconta le novelle del Boccaccio”, rassegna annuale di letture integrali del Decameron, in scena ogni secondo venerdì del mese, fino ad aprile 2022, nella casa-museo del celebre scrittore: la rassegna, ideata e realizzata dal gruppo teatrale Oranona Teatro dell’Associazione Polis, vive da più di dieci anni.

Tanti anni quanti ne sono serviti per poter dare voce e interpretazione alle cento novelle del Decameron prima di ripartire nuovamente con la prima giornata. Proprio nel corso del secondo ciclo di letture, segnato dalla pandemia legata all’emergenza Covid-19, è nata l’idea di affiancare alle letture teatrali in presenza un nuovo progetto capace di sfruttare l’innovazione dei linguaggi multimediali e le possibilità comunicative del web. Un progetto pensato per un pubblico senza confini.

“Dedicare un canale online, su YouTube, alle Novelle del Boccaccio – spiega l’assessore alla Cultura del Comune di Certaldo, Clara Conforti – significa dare nuovo impulso alla divulgazione del Decameron e al progetto di letture teatrali che Oranona Teatro, in collaborazione con il Comune di Certaldo e l’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio, porta avanti con passione e competenza da anni. Significa dare valore alla cultura, significa dare valore al nostro territorio, anche scommettendo sulle nuove tecnologie. Questo progetto racconta la volontà di mantenere accese le nostre tradizioni nel segno del Boccaccio e delle sue Novelle anche nei mesi dell’emergenza Covid, non possiamo che accoglierlo con soddisfazione”.

“Riteniamo doveroso esprimere un sincero ringraziamento alla Fondazione CR Firenze per la conferma espressa nei confronti della nostra Polis – dichiara il presidente dell’Associazione Polis, Alfiero Ciampolini – e siamo fiduciosi di poter continuare insieme questo percorso di valorizzazione dell’opera del Boccaccio”.  

“L’emergenza Covid-19 ci ha costretti, più volte, a sospendere il nostro lavoro in presenza – sottolinea Martina Dani, direttrice artistica dell’Oranona Teatro e ideatrice del progetto – ma è stata anche stimolo per ricercare nuove forme di divulgazione e far conoscere il linguaggio del Boccaccio a un pubblico più ampio: quello della rete. Il nuovo progetto prevede la pubblicazione online della lettura delle prime 15 novelle del Decameron: si parte con “Ser Cepparello”, la novella con la quale si apre il racconto dei dieci novellatori, fino ad arrivare ad “Andreuccio da Perugia”, tutte lette nella casa di Giovanni Boccaccio dagli attori dell’Oranona Teatro e da giovani formati dagli stessi attraverso un laboratorio di lettura espressiva.

L’intento, negli anni, è creare una raccolta di filmati, fruibile sul web, con tutte le cento novelle. Leggere il Decameron nella casa del più grande narratore europeo è la nostra missione da anni e vogliamo condividerla con più persone possibile, perché questo scrittore e intellettuale, che fra i primi ha scritto e rappresentato la “Commedia Umana” e che con la sua curiosità e il suo spirito rivoluzionario è stato stimolo nei secoli per la letteratura mondiale, merita davvero tutta la nostra attenzione”.

Questo il link al canale https://www.youtube.com/channel/UC3olkdAsPoyzRzFhKbeFVXg

Queste le novelle a portata di click:

Novella I, 1 Ser Cepparello con una falsa confessione inganna un santo frate e muorsi; e, essendo stato un pessimo uomo in vita, è morto reputato per santo e chiamato san Ciappelletto.

Novella I, 2 Abraam giudeo, da Giannotto di Civignì stimolato, va in corte di Roma; e, veduta la malvagità de’ cherici, torna a Parigi e fassi cristiano.

Novella I, 3 Melchisedech giudeo con una novella di tre anella cessa un gran pericolo dal Saladino apparecchiatogli.

Novella I, 4 Un monaco, caduto in peccato degno di gravissima punizione, onestamente rimproverando al suo abate quella medesima colpa, si libera dalla pena.

Novella I, 5 La marchesana di Monferrato con un convinto di galline e con alquante leggiadre parolette reprime il folle amore del re di Francia

Novella I, 6 Confonde un valente uomo con un bel detto la malvagia ipocresia de’ religiosi.

Novella I, 7 Bergamino con una novella di Primasso e dello abate di Clignì onestamente morde una avarizia nuova venuta in messer Can della Scala.

Novella I, 8 Guglielmo Borsiere con leggiadre parole trafigge l’avarizia di messer Ermino de’ Grimaldi.

Novella I, 9 Il re di Cipri, da una donna di Guascogna trafitto, di cattivo valoroso diviene.

Novella I, 10 Maestro Alberto da Bologna onestamente fa vergognare una donna, la quale lui d’esser di lei innamorato voleva far vergognare.

Novella II, 1 Martellino, infignendosi attratto, sopra santo Arrigo fa vista di guarire, e, conosciuto il suo inganno, è battuto, e poi, preso e in pericolo venuto d’esser impiccato per la gola, ultimamente scampa.

Novella II, 2 Rinaldo d’Asti, rubato, capita a Castel Guiglielmo ed è albergato da una donna vedova e, de’ suoi danni ristorato, sano e salvo si torna a casa sua.

Novella II, 3 Tre giovani, male il loro avere spendendo, impoveriscono; dei quali un nepote con uno abate accontatosi, tornandosi a casa per disperato, lui truova essere la figliuola del re d’lnghilterra, la quale lui per marito prende e de’ suoi zii ogni danno ristora, tornandogli in buono stato.

Novella II, 4 Landolfo Rufolo, impoverito, divien corsale e da’ Genovesi preso, rompe in mare, e sopra una cassetta, di gioie carissime piena, scampa, e in Gurfo ricevuto da una femina, ricco si torna a casa sua.

Novella II, 5 Andreuccio da Perugia, venuto a Napoli a comperar cavalli, in una notte da tre gravi accidenti soprapreso, da tutti scampato con un rubino si torna a casa sua.