La scuola si ribella: adesioni allo sciopero anche in Valdelsa

La scuola ha fatto sentire la propria voce. In Valdelsa ha scioperato in prevalenza il personale ATA di tutti gli ordini di scuola mentre alcune classi sono entrate o uscite in orari diversi per lo sciopero dei docenti.

Lo sciopero coinvolge l’intero personale scolastico – docenti, Ata e dirigenti – ed è stata indetta, con modalità diverse, dai sindacati Flc Cgil, Uil Scuola Snals Confsal, Gilda Unams, AND, Anief, Cobas, CUB Sur, Fisi, Sisa.

I sindacati confederali e di base, eccetto Cisl Scuola hanno indetto oggi uno sciopero contro le politiche del governo su istruzione e ricerca. La protesta riguarda la carenza di fondi, il rinnovo del contratto, la stabilizzazione dei precari, la messa in sicurezza degli edifici scolastici e l’annosa questione delle “classi pollaio”.  

A Roma manifestano in corteo Flc Cgil, Uil Scuola Rua, Snals Confsal, Gilda Unams e Anief. I sindacati ribadiscono che “Nella legge di Bilancio solo lo 0,62% viene destinato alla professione docente, per pochi e a premio, mentre sul contratto è di 87 euro la previsione di aumento con 12 euro legati alla ‘dedizione’, quando è di 350 euro la differenza attuale tra il personale della PA e quello della scuola”.