Covid, l’Rt rallenta ma incidenza e ricoveri continuano ad aumentare

ROMA – Nel periodo 10 novembre – 23 novembre 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,20 (range 1,12 – 1,28), al di sopra della soglia epidemica. È in diminuzione rispetto all’ultima rilevazione (1,23), ma ancora sopra la soglia epidemica l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt = 1,09 (1,05-1,12) al 23/11/2021 vs Rt = 1,15 (1,11-1,19) al 16/11/2021). Sale invece l’incidenza dei nuovi contagi: il dato aggiornato è di 155 per 100mila abitanti (26/11/2021-02/12/2021), contro i 125 dell’ultima rilevazione (19/11/2021-25/11/2021). È quanto emerge dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 7,3% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 02 dicembre) vs il 6,2% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 25 novembre). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 9,1% (rilevazione giornaliera del ministero della Salute al 02 dicembre) vs l’8,1% (rilevazione giornaliera del ministero della Salute al 25 novembre)

In forte aumento il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione: sono 30.966, contro i 23.971 della settimana precedente. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggera diminuzione (33% vs 34% la scorsa settimana). È stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45% vs 45%), mentre è in aumento la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (22% vs 21%).

Fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»