Sette classi in quarantena in Valdelsa, 62 in provincia di Siena: +26%

Sono 7 le classi in quarantena in Valdelsa mentre sono 62 classi in tutta la provincia di Siena. Il 5 novembre erano 49, +26%. Delle classi valdelsane, 5 sono alle superiori, 1 alla media, 1 all’infanzia. Nessuna alle elementari e neppure la nido.

Elevato il numero di quarantene a Siena: ben 38, delle quali 27 alle superiori. Nella Asl Toscana Sud Est , 38 sono le classi in quarantena in provincia di Arezzo e 57 in quella di Grosseto. Sono invece 115 le persone (studenti, insegnanti e personale non docente) contagiate.

In tutta la Asl Sud Est sono 157 classi in quarantena mentre il 5 novembre erano 133. Si tratta di classi con almeno un contagio tra i propri alunni o insegnanti. Alcune di queste classi sono in quarantena (Tutte quelle con alunni minori di 6 anni o dove sono presenti almeno 3 positivi) Le restanti classi sono in sorveglianza con testing, ovvero tampone T 0 (primo giorno) e T 5 (finale al quinto giorno).

Raddoppiano i vaccini. La stessa Asl sottolinea come saranno ventimila le dosi disponibili la prossima settimana in tutto il territorio dell’AziendaToscana sud est, equamente divise tra le tre province. Sono i numeri del potenziamento dell’offerta di dosi anti-Covid nei centri dell’Asl che consentirà di ampliare la programmazione disponibile per la prenotazione tramite il portale regionale e la disponibilità garantita per gli accessi diretti in tutti i centri vaccinali.

L’incremento, che rappresenta un raddoppio rispetto all’offerta attuale, avverrà in parallelo all’aumento delle fasce di età che potranno accedere alla terza dose: da questo pomeriggio, sul portale della Regione Toscana è stata aperta a tutte le persone con oltre 40 anni la possibilità di prenotazione, in precedenza riservata ai maggiori di 60 anni, alle persone con elevata fragilità, operatori sanitari, personale delle Rsa.

A partire da lunedì sarà definita la riapertura progressiva di altre sedi per accrescere l’offerta dei centri vaccinali sul territorio: Abbadia San Salvatore in provincia di Siena, Sansepolcro e Casentino in provincia di Arezzo, colline dell’Albegna e la nuova sede nel capoluogo in provincia di Grosseto.

«L’Azienda è fortemente impegnata nella prosecuzione della campagna anti Covid – afferma Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est –. Accanto allo sforzo per completare il primo ciclo di vaccinazione di tutta la popolazione, l’ampliamento dell’offerta per la terza dose richiede un incremento della disponibilità di dosi. Così come cambieranno il numero e la dislocazione dei centri vaccinali, che stiamo individuando per coprire tutto il territorio delle tre province. Le nuove sedi saranno attivate nel più breve tempo possibile».