Contributi per il commercio, quarta fase del bando per tirare “su le saracinesche”

C'è tempo fino al 15 dicembre con uno stanziamento complessivo di quasi 19mila euro

Si chiama La Via Maestra ed è il bando pop up per contributi destinati al commercio giunto alla quarta fase.

Si tratta della concessione di contributi utili ad avviare un’attività nell’area del centro storico. Il pop up, che letteralmente vuol dire ‘tirar su’ le saracinesche, è un progetto cofinanziato dalla Regione come progetto pilota sulla sicurezza urbana.

Si inserisce in un quadro più ampio mirato a rilanciare il centro storico, anche dal punto di vista commerciale, così come del decoro e della sicurezza.

«L’obiettivo è quello di sostenere lo sviluppo del tessuto produttivo del centro storico attraverso alcuni interventi fra i quali l’erogazione di contributi a fondo perduto a soggetti che aprono nuove attività», dice l’assessore al commercio e alle attività produttive Fabio Carrozzino

«E’ un percorso che prosegue, dopo tre bandi già pubblicati, e che si colloca in una progettualità più vasta che riguarda il centro cittadino e che si sviluppa su tanti fronti. Dagli interventi di riqualificazione di strade e piazze ad azioni per migliorare gli arredi e per qualificare e connotare maggiormente gli spazi. Tutti percorsi in essere e su cui occorrerà insistere continuando ad investire sulla qualità degli spazi e sulla loro fruibilità e sempre in forte sinergia con le associazioni, sapendo che il tessuto commerciale è lavoro e rappresenta l’anima di una città».

L’assessore Fabio Carrozzino

Nell’ambito del progetto pop up “La via Maestra” sono stati indetti tre bandi a seguito dei quali sono stati concessi contributi per l’avvio di sei nuove attività di impresa.

La nuova procedura di selezione per l’assegnazione di un contributo ai soggetti che avviano un’attività è stata estesa alle attività libero professionali, sempre per come stabilito dal bando e relativamente al centro (CCN zona 1, individuata da apposita planimetria).

Resterà aperta fino al 15 dicembre con uno stanziamento complessivo di contributi pari a quasi 19mila euro (18.873 euro) che deriva da una rimodulazione del quadro economico del progetto che tiene conto dei contributi già stanziati e di altri interventi realizzati per come previsto dal bando stesso.

Il contributo viene erogato per sostenere le spese di affitto dei locali per sei mesi e le spese per acquisto arredi e complementi di arredo. Le domande vanno redatte in base alla modulistica pubblicata e dovranno essere presentate a mezzo di posta certificata all’indirizzo di posta elettronica certificata del SUAP di Poggibonsi: suap.poggibonsi@postacert.toscana.it.

Ciascun soggetto può presentare una sola domanda di partecipazione e ciascuna domanda deve essere relativa ad una sola attività.

Le domande saranno istruite entro il 15 gennaio 2022 e saranno valutate da una commissione composta da rappresentanti dell’amministrazione e delle associazioni di categoria del commercio.

La commissione valuterà le domande sulla base dei criteri previsti dal bando e redigerà la graduatoria, in base alla quale saranno assegnati i contributi fino all’esaurimento delle risorse disponibili. La graduatoria sarà pubblicate sul sito internet del Comune.

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: