centro commerciale

Uccisa dal marito nel bresciano, non si ferma la strage: 74 donne vittime in otto mesi

Lunga scia di sangue lungo l'Italia 65 le donne uccise in ambito famigliare

Uccisa dal marito dal quale si stava separando. E’ successo d Agnosine, in Valsabbia, nel Bresciano, dove la vittima si era trasferita da un mese dopo la separazione dal marito. Madre di due figli già grandi, 50enne come il marito, la donna è stata raggiunta stamani a casa dove l’uomo l’ha colpita più volte sulle scale dell’abitazione. Poi l’ex marito si è costituito ai carabinieri.

Quello di stamani, 13 settembre, è soltanto l’ultimo omicidio che ha per vittima una donna che si separa dal marito. Qualche giorno fa, a Villaga, nel vicentino, era stata freddata con 4 colpi di pistola, Rita Amense, 30 anni nigeriana. Ad ucciderla, nel parcheggio dell’azienda dove lavorava a Noventa Vicentina, era stato il marito Pierangelo Pellizzari, 61enne arrestato dai carabinieri dopo una fuga durata 24 ore.

I femminicidi sono una lunga scia di sangue che percorre l’Italia da Nord a Sud. Secondo il report del Servizio Analisi Criminale del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, nel periodo dal 1° gennaio al 22 agosto di quest’anno su 178 omicidi registrati in totale, 74 hanno visto come vittime donne, di cui 65 uccise in ambito familiare/affettivo. Di queste, 46 hanno trovato la morte per mano del partner/ex partner. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, emerge una leggera discesa (-5%) degli omicidi (da 188 a 178) e una piccola diminuzione delle vittime di genere femminile che passano da 81 a 74 (-9%).

#carabinieri, #femminicidio, #donne

Seguici
RSS
Follow by Email
Share
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: